Beta test (29 aprile 2020)

Questa è la release 0.1.2. Si è fatta attendere più del consueto perchè ha comportato la messa a punto di uno dei meccanismi fondanti dell’approccio che abbiamo adottato, chiamato “call to action“.

Prima di descrivere in dettaglio le novità è bene ricordare che:

  1. le release beta sono disponibili in modalità test sia per Android che per iOS sugli store ufficiali, e quindi i beta test non sono più soggetti a limiti numerici
  2. per il buon funzionamento del tracciamento in background è opportuno cambiare le impostazioni in modo che l’app non venga disattivata dal gestore della batteria
  3. alle 17:30 di oggi, 29 aprile, tutte le funzionalità dell’app verranno illustrate e discusse online durante l’open meeting

Call to action

Le call to action sono segnalazioni, da parte di autorità sanitarie riconosciute, di situazioni ad alto rischio contagio. Ogni call tu action è composta da riferimenti geografici (punti o poligoni) e temporali (intervalli) alla situazione di contagio, da un nome della call to action, da una data di rilascio e da uno URL di call back.

Le call to action sono gestite da un server, al quale diAry si rivolge per scaricare aggiornamenti. La richiesta delle ultime call to action da parte di diAry ha anch’essa riferimenti spazio-temporali, ma molto approssimati. Per ogni giorno, la richiesta contiene l’insieme dei geohash approssimati visitati nel corso della giornata, approssimati alla quarta cifra, corrispondente a circa 20 km. Quindi gli orari sono approssimati al giorno e i luoghi a regioni rettangolari di 20km di lato.

In tal modo ogni istanza dell’app riceve solo segnalazioni della propria zona. A questo punto il confronto tra segnalazioni scaricate e tracce avviene localmente sullo smartphone dell’utente e solo se c’è corrispondenza (senza approssimazioni) l’azione corrispondente viene proposta all’utente.

Alle call to action si accede dal pulsante centrale della barra inferiore, che rappresenta una quadretto crociato.

Altre novità

Modalità notturna, con sfondo scuro, disponibili dalla release 0.1.1.

Tutte le funzioni di test e debug sono state spostate su un’apposita card che si trova sulla pagina principale. La card dà accesso a:

  1. Changelog: news sul sito ufficiale https://covid19app.uniurb.it
  2. Lista di azioni rilevate durante la giornata (disponibili con e senza geofence)
  3. Bug: per visualizzare gli eventi di tracciamento ricevuti dall’app attiva
  4. Bug rosso: per visualizzare tutti i log di debug

1 commento

  • Enzo ha detto:

    Ho la vers. 0.1.1 come faccio ad aggiornare a 0.1.2?
    Su Appstore come si fa a trovare l’app, indicamdo diAry o digital Aryanna
    non la si trova

Rispondi a Enzo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *